Quali sono i test da fare per un acquario d’acqua dolce?

Quali sono i test da fare per un acquario d’acqua dolce?

Se avete appena acquistato un acquario d’acqua dolce e volete inserire piante pesci e renderlo sicuro nel tempo per flora e fauna, dovrete attivare una serie di test per verificare lo stato di salute dell’acqua.

I test di riferimento più importanti vanno effettuati dopo circa 15 giorni dall’attivazione dell’acquario con le sole piante. Qui sotto vengono suddivisi a gruppi, e in relazione al tempo che passa i gruppi vanno così controllati. Prima il gruppo: 1 e 2, e successivamente dopo circa un mese dal primo controllo si effettua controllo del gruppo: 1, 3, e 4.

1_Tipo di acqua
  • pH (acidità)
  • KH (durezza carbonatica)
  • GH (durezza totale)

 

2_Attività biologica del filtro
  • NH3/NH4 (ammoniaca/ammonio)
  •  NO2 (nitriti)

 

3_Inquinanti
  • NO3 (nitrati)
  • PO4 (fosfati)

 

4_Fertilizzazione
  • Fe (ferro)
  • CO2 (anidride carbonica)

Sarà opportuno avere a casa un test sicuro e affidabile come quelli presenti nelle valigetta della Sera, nascono sia per acqua dolce che per acqua salata (marin)   sfsdfsf

 

Qualche consiglio

I test Sera sono dei prodotti chimici, vanno conservati in luogo sicuro, lontano dai bambini. In assenza di luce solare o calore, quindi da evitare la parte superiore dell’acquario e un armadietto vicino alla finestra.

I test della Sera sono tarati per dare il massimo della sicurezza. Importante utilizzare l’acqua distillata ad una temperatura di 25°, questo renderà autentica e precisa qualsiasi misurazione

Per questi test è necessaria la comparazione colore. Sarà importante adagiare la provetta vicino alla scala cromatica, evitare di guardare in trasparenza la saturazione colore potrebbe variare.

7 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Checkbox GDPR is required

*

I agree