Petshop motivi validi per non aprire un negozio per animali

Petshop un sogno che si può trasformare in disastro

Premetto che lavoro nel settore pet da oltre 20 anni, in questo periodo ne ho viste di cotte e di crude con aperture, chiusure, persone indebitate e solo raramente esperienze felici e redditizie, non voglio spaventarvi con questo articolo ma mettervi davanti alla realtà quando si decide di avviare un sogno e un’attività per la vita.

La storia tipo di chi vuole aprire un negozio

Di solito quando chiedo al neo negoziante il motivo per il quale ha deciso di intraprendere la nuova attività, la prima risposta che mi danno è “amo gli animali” oppure “ho un cane o un’acquario” sono esperto e voglio fare della mia passione un lavoro. Negli anni ho visto persone lasciare il proprio lavoro per dedicarsi a capofitto al nuovo mestiere. Qui mi permetto una citazione di un mio amico che si accingeva a chiudere il proprio ristorante e alla mia domanda perché chiudi mi rispondeva “non basta solo saper far bene da mangiare”, con questo cosa voglio dire? solamente che aprire una qualsiasi attività commerciale petshop incluso necessita di una serie di capacità che non sono solo ed esclusivamente la passione per gli animali.

Un buon commerciante deve essere e sapere

  • Sapere far di conto e calcolare il BEP (break even point) petshop breack even point

  • deve conoscere la differenza tra margine e ricarico

  • Deve saper scorporare l’ Iva da un prezzo

  • Saper leggere un estratto conto

  • Deve saper leggere una fattura, fare una fattura (anche nella forma elettronica)

  • Conoscere le normative sulla privacy, rae, Asl, resi e garanzie prodotti, ecc.

  • Saper leggere un bilancio (conoscere la differenza tra uno stato patrimoniale e conto economico)

  • Conoscere le tecniche di marketing da applicare al settore

  • Conoscere le tecniche di merchandising

insomma deve essere un pò Commerciante, Avvocato, Commercialista, Bancario, uomo del Marketing, ecc.

Non vi ho ancora scoraggiato bene allora vi do alcuni numeri:

  • Il 50% delle aziende chiude entro i primi 5 anni (fonte il giornale) e si chiude sempre con debiti mai con guadagni
  • I consumi negli ultimi 6 anni sono scesi di 7,7 migliardi nel settore dettaglio
  • Le piccole superfici perdono 10 volte di più rispetto le grandi (fonte cga)

Se non avete ancora cambiato idea e siete decisi a fare il grande salto vi do alcuni consigli utili su come aprire un petshop

petshop layout

  • Trovare la giusta superficie (oggi deve essere di almeno 200 mq)
  • Trovare la giusta location (meglio aprire vicino ad un negozio esistente che in zone vergini, vicino al negozio avviato i clienti individuano la nuova struttura e di sicura la visitano, aprire in zone sperdute può costare caro…..)
  • Predisporre il ‘petshop per il self service (vi farà risparmiare costi per il personale)
  • Petshop e servizio vanno a braccetto (toelettatura, assistenza veterinaria, corsi addestramento per cani, pet terapy, pensione per cani e piccoli animali, ecc)
  • Installare il giusto software gestionale che vi permette di tenere sotto controllo, giacenze, rotazioni, margini di guadagno, ecc. qui un esempio di un software molto valido ed economico
  • Trovare i giusti fornitori, specie inizialmente è meglio pagare un po di più da un grossista pet che cercare risparmio da fornitore diretti che ti caricano il magazzino di merci che forse non venderai
  • Studiare il giusto assortimento, qui perdo un minuto in più per correggere gli errori più comuni, molti mi dicono acquisto la marca sconosciuta x/y così non ho concorrenti, ma vi siete mai domandati perché quel marchio è sconosciuto? e poi se il mercato è in mano al marchio leader forse vale la pena evitare di perdere quella fetta di mercato?
  • Prevedere la vendita di animali vivi, ricordatevi che se volete vendere una gabbia per canarino dovete avere un canarino, lo stesso vale per un criceto, un pesciolino, un rettile, ecc. le vendite degli accessori dedicati sono superiori anche del 300%-400% quando in negozio sono presenti anche gli animali vivi.

Quali marchi acquistare alcuni consigli

  • Mangimi cane e gatto: Hill’s, Royal Canin, Purina, Trainer, Forza 10, Farmina

  • Accessori per cane e gatto: Ferplast, Zolux, Camon, Trixie

  • Acquariologia: Jbl, Juwel, Ferplast, Askoll, Sera, Tetra

  • Rettili: Exoterra, Zoomed

  • Roditori e uccelli: Zolux, Ferplast

Ma allora è redditizio o no?

Diciamo che se avete un giusto mix di quanto sopra descritto delle possibilità ci sono, ricordatevi di partire con finanze sufficienti, ricordatevi che per i primi 2 anni non ci sono guadagni, entrate nel mondo moderno della multi canalità e prevedete da subito un sito internet per fare marketing e magari un’app per fornire il servizio di consegna a domicilio per i tuoi clienti. Se siete bravi potete raggiungere risultati notevoli e guadagnare anche molto.

Quanti soldi mi servono?

Per aprire un negozio di 200mq :

  • costituzione azienda srl                                                 €3.500batteria pesci
  • Scaffalatura e ricoveri animali                                  €.20.000
  • (da aggiungere altri 20.000 se volete anche i pesci)
  • Hardware e software (banco cassa, pc, gestionale) €.1.500
  • Merci (calcolare €.500 al metro lineare)              €. 40.000 (con grossista)                                                                                             €.70.000 acquisto diretto
8 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Checkbox GDPR is required

*

I agree